Joomla TemplatesWeb HostingWeb Hosting

Psicologo del Lavoro

Il Decreto Legislativo n. 81/2008 opera un'importante innovazione in materia
di valutazione dei rischi, e, più in generale, nell'indirizzo dei rischi pertinenti alla
sicurezza sul lavoro. Viene infatti sostituita, nel testo di legge, la dizione "rischi
psicosociali", a retaggio del vecchio D.Lgs. 626/94, con "rischi da stress lavoro-correlato".

La Testo Unico dispone infatti per gli RSPP, la partecipazione a "specifici corsi di formazione
in materia di prevenzione e protezione dei rischi, anche di natura ergonomica e da stress
lavoro-correlato di cui all'articolo 28, comma 1". Gli stessi lavoratori periodicamente e
ciclicamente dovranno essere formati e informati (art. 36 e 37) anche sui rischi da stress.

Dopo il mal di schiena ed i dolori muscolari, lo stress è il primo sintomo connesso al lavoro,
accusato dal 23% dei lavoratori europei, al pari dell'affaticamento generale. Seguono l'irritabilità (11%), l'insonnia (9%) e l'ansia (8%).Ogni anno il 4% del Pil mondiale viene speso per problemi connessi a malesseri psico-sociali sul luogo di lavoro.

Siamo anche in grado di rilevare, le aree che richiedono un intervento di prevenzione degli infortuni, del disagio e dello stress e di promozione della salute individuale e collettiva. Le recenti norme non impongono solo un obbligo ma rappresentano uno strumento per far evolvere la convivenza lavorativa e per alimentare la speranza di migliorare la qualità della vita.


Lo Studio offre una specifica consulenza per la stesura del documento di valutazione di rischio da Stress Lavoro Correlato





 

Web Design GCWebServices.eu